I MIGLIORI STORE ON LINE

Gestisci le tue E-mail

Non sei ancora in regola con la PEC? Acquistala QUI

Primo Piano

Vernici Pesaro.
Vendita al dettaglio e all'ingrosso di vernici e pitture decorative, antimuffa, cartongesso e pavimenti in pvc. .. "continua"

PEC.
Wineuropa offre il servizio di posta elettronica certificata per aziende e liberi professionisti .. "continua"

Web agency Sansepolcro.
Realizzazione siti internet a Sansepolcro in provincia di Arezzo "continua"

Agenzia web Arezzo.
Realizzazione siti internet ad Arezzo. Agenzia web a Sansepolcro di Arezzo…"continua"

news

Le 7 regole UE per lo sviluppo etico dell'Intelligenza Artificiale

L'Unione Europea ha chiamato a raccolta oltre 50 esperti per stilare 7 linee guida che governi e compagnie dovranno considerare per distribuire i propri sistemi di Intelligenza Artificiale nel Vecchio Continente

L'Unione Europea ha appena pubblicato una serie di linee guida che compagnie e governi dovrebbero seguire per sviluppare soluzioni "etiche" basate sull'Intelligenza Artificiale. L'obiettivo delle nuove regole è quello di affrontare con efficacia i problemi che presumibilmente si diffonderanno nei prossimi tempi con l'integrazione delle nuove tecnologie in settori sensibili come quello dell'assistenza sanitaria, l'istruzione e le applicazioni consumer.

Ad esempio, se un sistema IA riesce a diagnosticare una malattia in fase avanzata ad un paziente, le nuove linee guida impongono un iter generico da seguire in modo da evitare che il software venga influenzato dalle informazioni su razza e genere, che vengano ignorate le obiezioni di un medico o un operatore umano, e in modo che venga data al paziente la possibilità di ricevere spiegazioni e informazioni da parte di un essere umano.

Per affrontare i problemi che potrebbero derivare dall'instaurazione delle tecnologie di Intelligenza Artificiale in settori sensibili l'Unione Europea ha messo in raccolta un gruppo di 52 esperti, che hanno stilato sette requisiti a cui dovrebbe rispondere ogni sistema di Intelligenza Artificiale nei prossimi anni. Eccoli di seguito tradotti liberamente dalla nota emanata dalla UE:

Controllo e supervisione umani: i sistemi di Intelligenza Artificiale dovrebbero condurre a una società equa, supportando gli esseri umani e i diritti fondamentali, e non diminuendo, limitando o fuorviando la loro autonomia. L'autonomia dell'uomo non deve essere sacrificata a favore della totale automazione, e le persone non dovrebbero essere manipolate o forzate dai sistemi IA.
Robustezza e sicurezza: l'Intelligenza Artificiale deve essere affidabile e gli algoritmi sicuri con certezza totale, e affidabili a sufficienza da saper affrontare autonomamente eventuali errori o incoerenze durante le varie fasi del ciclo vitale. Il sistema deve essere scarsamente vulnerabile ad attacchi esterni.
Privacy e proprietà dei dati: i cittadini dovrebbero avere il pieno controllo sui propri dati, e i dati che li riguardano non dovrebbero essere utilizzati per danneggiarli o discriminarli.
Trasparenza: agenzie governative e aziende dovrebbero garantire la tracciabilità dei dati trattati dai sistemi di Intelligenza Artificiale. Gli algoritmi dovrebbero essere accessibili a terzi, e gli umani dovrebbero avere la possibilità di "seguire e tracciare" le decisioni fatte dal software.
Diversità, non discriminazione ed equità: nelle loro scelte i sistemi di Intelligenza Artificiale dovrebbero considerare l'intera gamma delle abilità e capacità umane, assicurando l'accessibilità a tutte le età, a tutti i generi, a tutte le razze.
Benessere sociale e ambientale: i sistemi di Intelligenza Artificiale dovrebbero essere utilizzati per abilitare un cambiamento positivo nella società, aumentando la sostenibilità e la responsabilità ecologica.
Responsabilità: i meccanismi di Intelligenza Artificiale dovrebbero essere messi in atto per assicurare la responsabilità delle azioni intraprese. Gli impatti negativi dei sistemi dovrebbero essere compresi e riportati in anticipo rispetto all'uso.
È chiaro che alcuni dei requisiti della UE in merito all'argomento sono piuttosto astratti e soggettivi, come ad esempio l'aspetto del "cambiamento sociale in positivo", ma ci sono anche aspetti piuttosto interessanti e più oggettivi: la UE propone ad esempio in maniera evidente la supervisione dei sistemi da parte dei governi, la condivisione dei dati e delle modalità di training dei sistemi, il tutto per combattere l'insorgere di sistemi automatizzati potenzialmente di parte.

Non si tratta comunque di regole giuridiche, ma di linee guida che dovrebbero indirizzare le scelte future dei governi europei in merito all'instaurazione di sistemi di Intelligenza Artificiale, il tutto per proteggere i diritti digitali (e non) dei cittadini del Vecchio Continente. L'Unione Europea vuole imporsi fra i leader della rivoluzione dell'IA, tuttavia è chiaro che ad oggi si trova in una posizione di svantaggio rispetto a USA e Cina, che occupano momentaneamente un ruolo ben più importante in termini di ricerca e sviluppo sull'IA.
tratto da www.hwupgrade.it
di Nino Grasso

 

Altre notizie

Newsletter Wineuropa

Sviluppo & Economia - (04/04/2019)

Agenda CIE: Carta di Identita' Elettronica, online

Quanto tempo ci vuole per poter ottenere la propria Carta di Identità Elettronica? In alcuni casi la consegna è quasi istantanea, in altri casi occorre attendere settimane per avere un appuntamento, presentarsi allo sportello e portare a casa il proprio documento. Al fine di agevolare e velocizzare le procedure di ...continua...

Newsletter Wineuropa

Sviluppo & Economia - (21/03/2019)

Amazon Italia: ecco come funziona il magazzino grande come 11 campi da calcio

Abbiamo avuto modo di entrare nel Centro logistico di Amazon Italia di Castel San Giovanni in provincia di Piacenza. Un avveniristico capannone industriale capace di ospitare il principale centro distributivo italiano del colosso creato da Jeff Bezos. Parliamo di un edificio quasi 100.000 metri quadrati, grande come 11 campi da ...continua...

Newsletter Wineuropa

Sviluppo & Economia - (14/02/2019)

Piaggio Gita: il robot che ti segue e lavora per te

Noto soprattutto per la produzione di veicoli a due ruote (tre nel caso di MP3) e commerciali, il marchio Piaggio ha esteso ormai da qualche tempo i propri orizzonti sperimentando con concept che guardano alle soluzioni più avanzate della robotica, dell'automazione e dell'intelligenza artificiale, con l'obiettivo di applicarle all'universo della ...continua...

Newsletter Wineuropa

Sviluppo & Economia - (01/01/1970)

Che cos'e' "La bottega nel futuro" di Google

Il primo “vagito” si era avuto con il lancio di Google Pay, confermato di recente con un nuovo progetto. La volonta' della divisione italiana di Big G e' quella di supportare le imprese nazionali nel loro percorso di digitalizzazione. Non tanto alla maniera in cui operano i system integrator, cioe' ...continua...

Newsletter Wineuropa

Sviluppo & Economia - (01/01/1970)

Ducati, la moto elettrica non e' cosi' lontana: alcune conferme dal CEO Claudio Domenicali

In occasione della premiazione di un risultato ottenuto all'interno del progetto Ducati for Education, nella competizione internazionale MotoStudent, da un gruppo di 60 studenti di diverse facolta' dell'universita' bolognese UniBo, arrivano alcune conferme per quanto riguarda il settore elettrico legato al costruttore di moto di Borgo Panigale, conferme date direttamente ...continua...