Gestisci le tue E-mail

Non sei ancora in regola con la PEC? Acquistala QUI

Primo Piano

Centro Estetico Narciso.
Trattamenti viso e corpo, make up, manicure, pedicure a Sinalunga Siena …"continua"

Ombrelloni in legno.
Produzione di ombrelloni in legno per giardini…"continua"

Agenzia web Arezzo.
Realizzazione siti internet ad Arezzo. Agenzia web a Sansepolcro di Arezzo…"continua"

Impresa Edile Assisi.
Up costruzioni, impresa edile e ristrutturazioni Assisi …"continua"

Vernici Pesaro.
Vendita al dettaglio e all'ingrosso di vernici e pitture decorative, antimuffa, cartongesso e pavimenti in pvc. .. "continua"

Web agency Sansepolcro.
Realizzazione siti internet a Sansepolcro in provincia di Arezzo "continua"

PEC.
Wineuropa offre il servizio di posta elettronica certificata per aziende e liberi professionisti .. "continua"

news

Nest: tutto bloccato, la smart home si ribella

Per alcune ore tutti i dispositivi dell'ecosistema Nest non hanno funzionato a dovere: problemi per termostati, serrature, videocamere e rilevatori.

I fatti sono questi: molti utenti hanno contattato l'assistenza di Nest lamentando l'impossibilità di controllare i dispositivi installati nelle loro smart home attraverso l'applicazione ufficiale o mediante l'interfaccia Web. Per alcune ore non hanno avuto modo di accedere correttamente al sistema di allarme Nest Secure né alla serratura Nest x Yale Lock. Errori anche per i termostati, i rilevatori di fumo, le videocamere di sorveglianza e gli altri prodotti della linea.

Va precisato che in ogni caso è stato possibile comandare i device attraverso i controlli fisici, dunque nessuno è rimasto chiuso fuori dalla propria casa o impossibilitato a regolare la temperatura nelle stanze. Non è dato a sapere quale sia la causa dell'intoppo, confermato dal profilo ufficiale di Nest con un post su Twitter.

Abbiamo ricevuto segnalazioni da utenti di Nest Secure e Nest x Yale Lock impossibilitati a inserire o disinserire e bloccare o sbloccare i dispositivi attraverso l'applicazione Nest. I controlli fisici non sono stati interessati. Al momento stiamo indagando il problema e forniremo maggiori informazioni quando disponibili.


Sebbene quanto accaduto non sembra aver portato a gravi conseguenze né causato particolari disagi, può servire da monito e costituire uno spunto di rilessione per comprendere quanto trasformando le nostre abitazioni in smart home ci rendiamo vulnerabili alle loro potenziali fragilità. Se da un lato possiamo beneficiare della semplificazione che queste tecnologie operano sulle attività quotidiane inerenti l'ambito domestico, dall'altro ci esponiamo a vulnerabilità che mai prima avevano interessato la gestione della casa.

Le stesse problematiche attualmente oggetto di discussione nei territori mobile e online, da quelle inerenti la privacy fino alla tutela delle informazioni personali, sono destinate ad essere replicate per quanto concerne lo spazio domestico. È l'inevitabile conseguenza di un percorso iniziato tempo fa con l'avvento delle prime soluzioni della domotica e che oggi consente di delegare a un'entità intermedia, sia essa un'applicazione o una piattaforma cloud, l'accesso alle funzioni della nostra casa.
tratto da www.punto-informatico.it

 

Altre notizie
Nessuna notizia trovata!