Gestisci le tue E-mail

Non sei ancora in regola con la PEC? Acquistala QUI

Primo Piano

Vernici Pesaro.
Vendita al dettaglio e all'ingrosso di vernici e pitture decorative, antimuffa, cartongesso e pavimenti in pvc. .. "continua"

Agenzia web Arezzo.
Realizzazione siti internet ad Arezzo. Agenzia web a Sansepolcro di Arezzo…"continua"

Web agency Sansepolcro.
Realizzazione siti internet a Sansepolcro in provincia di Arezzo "continua"

PEC.
Wineuropa offre il servizio di posta elettronica certificata per aziende e liberi professionisti .. "continua"

news

Le tue email non necessarie sono una piaga per l'ambiente

Secondo uno studio condotto nel Regno Unito, evitando di scrivere mail non strettamente necessarie risparmieremmo oltre 16 tonnellate di carbonio, cioe' l'equivalente di 81.152 voli di media percorrenza

Ogni giorno nel Regno Unito vengono inviate circa 64 milioni di mail non necessarie. Secondo uno studio commissionato da Ovo Energy, una delle maggiori società indipendenti di energia oltremanica, se ogni cittadino britannico inviasse un'email mono-parola (facciamo l'esempio più classico: Grazie) in meno al giorno, verrebbero risparmiate 16.433 tonnellate di carbonio all'anno, l'equivalente di 81.152 voli per Madrid. O, ancora, di 3.334 auto diesel rimosse dalla circolazione.

Con lo slogan "Think before you thank", ovvero pensa prima di ringraziare, la ricerca vuole sensibilizzare i cittadini sul fatto che anche un'azione minima come rispondere a un messaggio anche quando non strettamente necessario ha un impatto ambientale. Se da un lato lo studio specifica "un numero inferiore di mail non risolverà la crisi climatica", dall'altro si stima che oltre il 72 per cento dei britannici non è al corrente della conseguenza ecologica dei gesti connessi alla loro casella di posta. Questa mancanza di consapevolezza, si spiega, contribuisce a incrementare di 23.475 tonnellate di carbonio all'anno l'impronta ambientale del Regno Unito.

Perché scrivendo si consuma energia
Mentre scriviamo e digitiamo parole sulle nostre tastiere consumiamo elettricità, la stessa che viene impiegata al momento dell'invio e, da ultimo, dall'infrastruttura di rete che archivia i messaggi nel cloud. Come spiega Mike Berners-Lee - ricercatore, professore e, non da ultimo, fratello dell'inventore del web Tim che ha contribuito con una consulenza nello studio - "anche se l'impronta di carbonio di una singola mail non è alta, è importante capire il principio di fondo: eliminare le cose non necessarie è buono per il nostro benessere e per l'ambiente". Intervistato dal Guardian sul tema ha spiegato che "i data center usano un sacco di elettricità. Non ci pensiamo perché non vediamo il fumo fuoriuscire dai nostri computer, ma l'impronta ecologica dell'Information Technology è alta e sta crescendo". Sulla stessa linea anche il capo del reparto Data e Analytics di Ovo, Katie Russell: "vogliamo mostrare alle persone che ogni azione ha un impatto ambientale, anche inviare una mail. Per questo dobbiamo cambiare le nostre abitudini a tutti i livelli".

Formule di galateo non necessarie
Seppur non esista una definizione comunemente condivisa di mail non necessaria o inutile, lo studio prova a individuare quali sono i messaggi che spesso si inviano quotidianamente senza un reale motivo. Viene fatto notare che il 49 per cento dei britannici scrive ai colleghi che si trovano anche a pochi passi nell'ufficio. Nella top 10 di questi messaggi, oltre al ringraziamento (thank you, thanks), ci sono i commenti che confermano la ricezione del messaggio (received, appreciated) o i saluti che invitano a trascorrere una buona serata o un buon weekend (o anche il semplice cheers). In ultima posizione anche Lol, usato molto di frequente per commentare qualcosa di divertente. Seppur in Inghilterra esista un'attenzione particolare alla formalità della corrispondenza professionale e al bon ton online, al 71 per cento degli intervistati non importebbe nulla di non ricevere un ‘grazie' come risposta se questo aiutasse a combattere la crisi climatica. Come commenta Stephen Moss sul Guardian: "Sii maleducato, non ringraziare e salva il pianeta".

Tratto da www.wired.it
Di Alessio Foderi

 

Altre notizie

Newsletter Wineuropa

Internet & Dintorni - (21/11/2019)

Twitter testa i tweet che si possono programmare

Twitter testa i tweet che si possono programmareVia alla sperimentazione con un ristretto numero di utenti. Chi sarà selezionato, potrà scrivere in anticipo un post e scegliere l'ora e la data in cui renderlo pubblico Twitter implementa la possibilità di programmare i tweet (fonte: Jane Manchun Wong)Twitter ha finalmente implementato la ...continua...

Newsletter Wineuropa

Internet & Dintorni - (14/11/2019)

CRESCONO LE RICHIESTE DEI GOVERNI A FACEBOOK

Sono 128.617 le richieste inoltrate dai governi di tutto il mondo e ricevute da Facebook nei primi sei mesi del 2019 per l'ottenimento di informazioni riguardanti i suoi iscritti. +16% rispetto a quanto registrato nella seconda metà del 2018, mai così tante da quando nel 2013 è stata diffusa la ...continua...

Newsletter Wineuropa

Internet & Dintorni - (07/11/2019)

Windows 10 20H1 build 19018: novita' per la ricerca

Nuova release per gli Insider del Fast Ring coinvolti da Microsoft nel test dei prossimi aggiornamenti di Windows 10. Oggi al via la distribuzione della build 19018 per l'update 20H1 che arriverà alla sua incarnazione definitiva solo nella primavera 2020. Senza considerare l'immancabile elenco di bugfix, le novità introdotte riguardano ...continua...

Newsletter Wineuropa

Internet & Dintorni - (30/10/2019)

Il nuovo algoritmo di Google capisce meglio quello che chiedi

Google presenta l'ultima modifica del suo algoritmo di ricerca. Bert, questo il nome, sarà in grado di intuire cosa sta realmente cercando l'utente. Bidirectional Encoder Representations from Transformers (Bert) è una tecnologia che consente a chiunque di addestrare il proprio sistema di risposte alle domande sfruttando un sistema per l'elaborazione ...continua...

Newsletter Wineuropa

Internet & Dintorni - (03/10/2019)

FB ha l'obbligo di rimuovere i contenuti illeciti

Un giudice di uno stato membro può ordinare a Facebook, così come ad altre piattaforme online e alle realtà che erogano servizi di hosting, la cancellazione di un contenuto ritenuto illegale o illecito. È quanto stabilisce una sentenza emessa oggi dalla Corte di Giustizia dell'Unione Europea nell'ambito del caso C-18/18. Facebook ...continua...