Gestisci le tue E-mail

Non sei ancora in regola con la PEC? Acquistala QUI

Primo Piano

Web agency Sansepolcro.
Realizzazione siti internet a Sansepolcro in provincia di Arezzo "continua"

Agenzia web Arezzo.
Realizzazione siti internet ad Arezzo. Agenzia web a Sansepolcro di Arezzo…"continua"

PEC.
Wineuropa offre il servizio di posta elettronica certificata per aziende e liberi professionisti .. "continua"

Vernici Pesaro.
Vendita al dettaglio e all'ingrosso di vernici e pitture decorative, antimuffa, cartongesso e pavimenti in pvc. .. "continua"

news

YouTube interattivo, sulla scia di Bandersnatch

YouTube potrebbe presto investire in contenuti interattivi per YouTube, alla stregua di quel che Netflix ha fatto con Black Mirror: Bandersnatch.

Non solo video, non solo film, non solo influencer: la prossima evoluzione di YouTube sarà nella direzione dei contenuti interattivi, basati sui medesimi principi che hanno decretato il successo di "Black Mirror: Bandersnatch". La notizia emerge da Bloomberg, ove sono stati svelati i piani organizzativi da cui Google intende partire per dar corpo al sogno di far diventare la propria repository video un qualcosa di ancor più complesso e raffinato.

La nuova unità di sviluppo sarebbe stata affidata a Ben Relles il quale, dopo una lunga esperienza nel team YouTube, avrà ora un progetto dedicato ed estremamente ambizioso da portare a termine. La sensazione è che, dopo anni di teorizzazione, sia venuto il momento di dar fondo agli investimenti per dar vita ad una dimensione ibrida tra i contenuti video tradizionali ed i contenuti videoludici. Il risultato finale, come Bandersnatch ha insegnato in modo evidente, non è soltanto una fruizione passiva di un flusso di immagini in streaming, ma una vera esperienza partecipata nella quale l'interazione ha un suo ruolo fondamentale.

Ad essere mutata rispetto al passato è la tecnologia:

Stadia è la dimostrazione che il cloud è pronto e le ultime novità dal Google Cloud Next evidenziano le ulteriori evoluzioni possibili della dimensione tecnologica entro cui una esperienza simile può aver luogo;
il 5G consentirà una fruizione mobile più evoluta, con tempi di latenza minimi e tali da annullare le distanze tra l'utente e la trama del contenuto;
dispositivi, formati e standard consentono una fruizione del contenuto da qualsivoglia postazione, consentendo di godere al meglio dell'esperienza in qualsiasi luogo ed in qualsiasi momento si desideri.
La produzione di contenuti di questo tipo è tuttavia estremamente onerosa e complessa: è questa una categoria entro cui è possibile che Google vada a scontrarsi con Netflix per disporre dei migliori titoli interattivi, qualcosa che andrà ad offrire ore e ore di esperienza possibile - e saranno in molti a volersi accaparrare tanto tempo e tanta attenzione da parte degli utenti. Netflix potrebbe aver la meglio sui contenuti più vicini all'esperienza video (in stile Bandersnatch), YouTube potrebbe aver buon gioco a sfruttare le tecnologie Google per esperienze di ispirazione più vicina al mondo del gaming. Come il recente passato ha insegnato, la differenza la faranno le esclusive e le produzioni originali, tutta materia entro cui una pletora di fornitori esterni potrà rientrare per far valere i propri brand, i propri personaggi e le proprie storie. Relles, scelto non a caso, era da tempo a capo del progetto YouTube Originals.

Entro breve, insomma, YouTube potrebbe contenere una moltitudine di narrazioni videoludiche provenienti da Stadia ed un palinsesto di video interattivi da poter offrire. La linea narrativa sarà decisa dalle pulsioni dell'utente, l'advertising avrà nuovi importanti canali espressivi a cui dar fondo e in questo ambito c'è da attendersi anche anche altri brand (Microsoft e Xbox?) possano dar vita ad ulteriori iniziative.

Il confine tra video e gioco è destinato a sfumare, così come il confine tra YouTube e Stadia. Chissà che un domani Monkey Island non possa essere visto come il grande passato di una forma espressiva che sta per nascere. Guybrush Threepwood, del resto, a pensarci bene sarebbe il soggetto perfetto per una nuova avventura interattiva da godere comodamente - pop corn e Grog alla mano - seduto di fronte al player di YouTube.
tratto da www.punto-informatico.it
Di Giacomo Dotta

 

Altre notizie

Newsletter Wineuropa

Internet & Dintorni - (04/04/2019)

Facebook, online i dati di 540 milioni di utenti

I ricercatori UpGuard hanno messo e mani su un database contenente i dati di mezzo miliardo di persone. Trattasi di dati raccolti su Facebook dalla media company Cultura Colectiva, abbandonati su un server Amazon e disponibili da chiunque per il libero accesso. Si tratta dell'ennesimo allarme sicurezza correlato alle attività ...continua...

Newsletter Wineuropa

Internet & Dintorni - (21/03/2019)

Google+ avvisa: salvate ora i vostri contenuti

In vista della prossima annunciata chiusura del social network Google+, l'azienda di Mountain View si premunisce nei confronti degli utenti inviando una mail di avviso nella quale si dettano le istruzioni per questa fase di uscita. Come noto, infatti, tutti gli utenti hanno la possibilità di mettere da parte i ...continua...

Newsletter Wineuropa

Internet & Dintorni - (22/02/2019)

YouTube, fuga degli inserzionisti per la pedofilia

YouTube ha un problema che dev'essere risolto al più presto. È legato a doppio filo ad alcuni membri della sua community, proprio come quello relativo all'abuso del pulsante Dislike di cui abbiamo parlato di recente e per il quale la piattaforma si è già mossa. Questa volta la questione è ...continua...

Newsletter Wineuropa

Internet & Dintorni - (14/02/2019)

617 milioni di account rubati venduti sul Dark Web

Un enorme archivio contenente le credenziali per l'accesso a 617 milioni di account rubati e appartenenti a 16 piattaforme diverse è in vendita sul Dark Web, a un prezzo che si aggira complessivamente a poco meno di 18.000 euro. Ovviamente la valuta richiesta per la transazione è una crypto, più ...continua...

Newsletter Wineuropa

Internet & Dintorni - (07/02/2019)

Google+ chiude: come recuperare i dati e cosa fare prima della sua chiusura

Google Google chiuderà il suo Google+ dal prossimo 2 aprile. La conferma è arrivata direttamente con una mail inviata a tutti gli utenti che sono attualmente in possesso di un account del social network. La piattaforma, abbiamo visto, chiuderà per sempre a causa di problemi legati al mantenimento di un ...continua...