I MIGLIORI STORE ON LINE

Gestisci le tue E-mail

Non sei ancora in regola con la PEC? Acquistala QUI

Primo Piano

Web agency Sansepolcro.
Realizzazione siti internet a Sansepolcro in provincia di Arezzo "continua"

PEC.
Wineuropa offre il servizio di posta elettronica certificata per aziende e liberi professionisti .. "continua"

Casa a Cortona.
immobiliare Cortonese, affidati alla nostra esperienza per acquistare o affittare casa a Cortona in Val di Chiana…"continua"

Agenzia web Arezzo.
Realizzazione siti internet ad Arezzo. Agenzia web a Sansepolcro di Arezzo…"continua"

Macelleria Quarantini.
Macelleria Quarantini a Fratte Rosa, carni bovine DOC razza marchigiana e altro …"continua"

Impresa Edile Assisi.
Up costruzioni, impresa edile e ristrutturazioni Assisi …"continua"

Casa a Camucia.
immobiliare Cortonese, affidati alla nostra esperienza per acquistare o affittare casa a Camucia in Val di Chiana…"continua"

news

Project Natick: la nuvola in fondo al mare

Microsoft intende portare il cloud in fondo al mare, utilizzando serbatoi con 864 center per costruire datacenter a refrigerazione naturale da posizionare vicino alla costa.

Quale luogo migliore per un datacenter se non in fondo al mare? Quella che potrebbe essere una suggestione, in casa Microsoft è diventata un'idea prima e un progetto poi, fino ad arrivare alla prossima concretizzazione: Project Natick potrebbe essere uno dei tasselli su cui il team di Redmond costruirà il cloud di domani.

Mentre la "Fase 1" ha immaginato fin dal 2013 un prototipo sfruttando i mari della costa ovest degli Stati Uniti (sull'idea originale di Sean James, dipendente Microsoft precedentemente attivo nella US Navy), la "Fase 2" sfrutterà invece i mari delle Orkney Islands in Scozia. Quella che va ad iniziare ora è proprio la cosiddetta "Fase 2", quella che dovrà portare il progetto fuori dalla carta, per affondare dentro l'acqua i sogni di cloud del gruppo.
L'idea è infatti quella di costruire dei grandi serbatoi della lunghezza di circa 12 metri con diametro di circa 3 metri, contenti ognuno 864 server (12 racks, 27,6 petabytes di capacità). Un solo cavo funge sia da alimentazione che da collegamento dati, consentendo così tanto il funzionamento elettrico quanto la possibilità di espletare la propria funzione di datacenter. Secondo previsioni ogni singolo modulo deve essere in grado di funzionare per almeno 5 anni senza alcun intervento di manutenzione.

Il fatto che i serbatoi siano immersi in acqua ha due vantaggi fondamentali sui quali Microsoft scommette gran parte della posta in palio. Anzitutto v'è una refrigerazione naturale, consentendo così la dispersione del calore con estrema facilità sulle acque circostanti (e con continuo ricambio dell'acqua, il che permette un effetto water-cooling permanente e di totale efficacia): ciò va ad abbattere in modo fondamentale i costi di manutenzione del datacenter, spesso legati in gran parte proprio al raffreddamento. In secondo luogo v'è l'idea di dislocare i datacenter laddove più possano servire: se è vero che gran parte della popolazione vive entro 200 km dalla costa, allora il posizionamento dei datacenter in acqua può essere una soluzione valida per posizionare i datacenter vicino ai luoghi in cui più possa essercene bisogno.

Il consumo elettrico dichiarato è pari a 240KW e Microsoft punta all'obiettivo della totale autonomia energetica. In quesat fase iniziale sarà l'energia eolica, supportata dall'energia solare, a supportare le esigenze del datacenter; in seguito si tenterà di sfruttare anche il moto delle onde, consentendo così un impatto ambientale pari allo zero assoluto.

I datacenter saranno posizionati ad una profondità non maggiore ai 100 metri, dunque tendenzialmente a poche miglia dalla riva. Ogni unità è immaginata per durare circa 20 anni, con cicli intermedi di 5 anni: ad ogni ricambio saranno sostituite le componenti interne, mentre il serbatoio sarà semplicemente monitorato per garantirne la piena integrità nel tempo.

90 giorni di tempo prima di portare sott'acqua i server. Se i test avranno l'esito auspicato, il futuro di Azure è segnato: portare la nuvola in fondo al mare.
tratto da www.punto-informatico.it

 

Altre notizie

Newsletter Wineuropa

Internet & Dintorni - (04/05/2018)

Twitter, grave bug svela le password

Un grave problema di sicurezza è stato scoperto nel modo in cui Twitter gestisce le proprie password ed il problema è improvvisamente deflagrato tra le mani del gruppo. A rischio ci sarebbero oltre 300 milioni di account, le cui password potrebbero essere finite nelle mani di malintenzionati e sfruttate in ...continua...

Newsletter Wineuropa

Internet & Dintorni - (26/04/2018)

Gdpr, cosi' si adegua Google

Sappiamo che la pubblicità rappresenta per Google una delle fonti di maggiore entrata e dunque, l'annuncio delle modifiche alle politiche di protezione dei dati degli utenti saranno certamente di vasta portata e tese a tutelarli maggiormente da annunci non desiderati. Di conseguenza, i partner pubblicitari dovranno richiedere ed avere esplicitamente ...continua...

Newsletter Wineuropa

Internet & Dintorni - (13/04/2018)

Firefox, Mozilla esorcizza i link FTP

Roma - L'arrivo di Firefox 61 dovrebbe segnare l'inizio della fine del supporto per il protocollo FTP all'interno del browser, con Mozilla come sempre interessata a seguire pedissequamente quanto già fatto da Google in passato. La promessa è, al solito, migliorare la sicurezza della navigazione per gli utenti. In particolare, la ...continua...

Newsletter Wineuropa

Internet & Dintorni - (29/03/2018)

Facebook, il triste declino dopo lo scandalo

Roma - Può una piccola società di analisi britannica come Cambridge Analytica (CA) affossare un colosso come Facebook, social network con un giro di affari annuale di oltre 70 miliardi di dollari e più di 2 miliardi di utenti attivi al mese? Per ora, lo scandalo alimentato dall'accesso non autorizzato ...continua...

Newsletter Wineuropa

Internet & Dintorni - (15/03/2018)

Microsoft, Patch Tuesday di marzo

Roma - Microsoft ha in questi giorni avviato la distribuzione delle patch mensili di marzo 2018, una serie di aggiornamenti pensati per risolvere decine di vulnerabilità di sicurezza scovate all'interno di Windows, i browser Web, le suite di produttività e molti altri prodotti software commercializzati dal colosso statunitense. In particolare si ...continua...