I MIGLIORI STORE ON LINE

Gestisci le tue E-mail

Non sei ancora in regola con la PEC? Acquistala QUI

Primo Piano

Agenzia web Arezzo.
Realizzazione siti internet ad Arezzo. Agenzia web a Sansepolcro di Arezzo…"continua"

Vernici Pesaro.
Vendita al dettaglio e all'ingrosso di vernici e pitture decorative, antimuffa, cartongesso e pavimenti in pvc. .. "continua"

PEC.
Wineuropa offre il servizio di posta elettronica certificata per aziende e liberi professionisti .. "continua"

Web agency Sansepolcro.
Realizzazione siti internet a Sansepolcro in provincia di Arezzo "continua"

news

Notizie Sportive - Sport (27/02/2012)

GOL FANTASMA, BUFERA SU BUFFON

Se avessi visto il pallone dentro, non l'avrei detto. Appelli sul web per non convocarlo in azzurro

Luca Pasquaretta 
Torino
BUFERA su Gigi Buffon. Di concetto. Filosofica. Morale, considerando il codice etico tanto caro a Prandelli e il fatto che si tratta sempre del capitano della nazionale, per ruolo e storia un esempio per tutti. Su internet, blog, Facebook e su Milan Channel, tifosi e addetti ai lavori hanno chiesto che il portierone non venisse convocato da Prandelli per la sfida di Genova in virtù delle dichiarazioni rilasciate negli spogliatoi di San Siro mentre commentava il gol non convalidato a Muntari: «Sono molto onesto, la situazione era talmente convulsa e veloce che non me ne sono proprio reso conto. E se me ne fossi reso conto, sono onesto nel dire che non avrei dato una mano all'arbitro. Lo dico in maniera molto serena e spassionata».

APRITI CIELO. Lampi, tuoni e fulmini. Agli indignati della rete e a Milan Channel, dove hanno puntato il dito contro Buffon, non è andato giù il cambio di rotta del capitano della nazionale, che soli 20 giorni fa, a margine di Juventus contro Siena, aveva attaccato l'arbitro Peruzzo.

«HA DATO un calcio d'angolo inesistente pur chiedendo il mio parere - aveva sottolineato il numero uno della Juventus - e siccome, quando abbiamo queste riunioni con gli arbitri si richiede sempre la reciproca collaborazione, penso di essere stato, in questi diciassette anni di calcio, una persona molto corretta con gli arbitri. Tant'è che nella partita con l'Udinese sono stato proprio io a segnalare un calcio d'angolo all'arbitro, che non l'aveva visto. Per cui io non vado a perdere la mia faccia e la mia onorabilità per un calcio d'angolo». Polemiche, polemiche e ancora polemiche. Tanto per non farsi mancare niente.
notizie tratte da La Nazione

 

Altre notizie
Nessuna notizia trovata!