I MIGLIORI STORE ON LINE

Gestisci le tue E-mail

Non sei ancora in regola con la PEC? Acquistala QUI

Primo Piano

Agenzia web Arezzo.
Realizzazione siti internet ad Arezzo. Agenzia web a Sansepolcro di Arezzo…"continua"

Ombrelloni in legno.
Produzione di ombrelloni in legno per giardini…"continua"

Centro Estetico Narciso.
Trattamenti viso e corpo, make up, manicure, pedicure a Sinalunga Siena …"continua"

PEC.
Wineuropa offre il servizio di posta elettronica certificata per aziende e liberi professionisti .. "continua"

Macelleria Quarantini.
Macelleria Quarantini a Fratte Rosa, carni bovine DOC razza marchigiana e altro …"continua"

Web agency Sansepolcro.
Realizzazione siti internet a Sansepolcro in provincia di Arezzo "continua"

Impresa Edile Assisi.
Up costruzioni, impresa edile e ristrutturazioni Assisi …"continua"

news

Notizie Dal Mondo - Politica (12/01/2018)

Germania, coalizione in alto mare. Il nodo migranti frena le trattative

La cancelliera: Grandi ostacoli, occhi puntati su schultz

BERLINO
A 110 GIORNI dal voto, ci si mette d’accordo sul tentare un accordo. La nuova Grosse Koalition avanza di compromesso in compromesso, va piano, e può sempre uscire di strada. Si è chiusa la prima fase, nessuno ha posto veti insormontabili. Al momento. Ora si inizierà a discutere su ogni punto, e alla fine la base della Spd dovrà approvare il lavoro di Martin Schulz. E il sì non è scontato. Sono molti i compagni che fanno la fronda e dall’altra parte i cristianodemocratici ne hanno abbastanza dopo 12 anni di Merkel. I tedeschi sono sempre più scettici: il 53% dubita che Frau Angela, anche se riuscisse a mettere tutti d’accordo, possa durare fino al 2021. A destra, la incalzano i cristianosociali (Csu) della Baviera, alleati ma pur sempre un altro partito. Sull’altra sponda Schulz continua a porre condizioni difficili da accettare, per salvare se stesso e il partito. Se fallirà, addosserà la colpa all’intransigenza della signora. IL LEADER Spd vuole un impegno per giungere agli Stati Uniti d’Europa, chiede di aumentare l’aliquota massima per i contribuenti più ricchi, dal 42 al 45%, a partire da 60mila invece che dagli attuali 54mila. Non cambierebbe molto per il fisco. Una misura populista, che non inganna i tedeschi: il sindacato dei metalmeccanici, da sempre vicino alla Spd, proclama scioperi per ottenere la settimana di 28 ore (dalle attuali 35), e il 6% di aumento, anche se un operaio Vw, con la gratifica legata al rendimento, sfiora già i 60mila euro l’anno. Schulz non si è accorto che i suoi elettori non sono più i proletari del dopoguerra. Ma il punto più insidioso rimane la politica dell’accoglienza. La Csu si presenta solo in Baviera (dove si torna a votare il 14 ottobre); secondo l’ultimo sondaggio potrebbe precipitare al 37%, venti punti in meno sul 2013. Perde voti perché i bavaresi sono inquieti per l’arrivo di troppi profughi, in gran parte islamici. I cristianosociali hanno paura e pretendono che la Merkel cambi rotta: espulsioni più veloci, blocco ai ricongiungimenti familiari (potrebbero arrivare altri 700mila), controlli medici sui minori non accompagnati (36mila, ma quasi la metà avrebbe mentito sull’età). I socialdemocratici dicono no a tutto. SARÀ difficile trovare un’intesa: ma se si dovesse fallire, sarebbero inevitabili elezioni anticipate, e i tedeschi punirebbero i colpevoli. Secondo le previsioni, la Merkel e Schulz perderebbero da uno a due punti, aumenterebbero le astensioni, e a guadagnare sarebbero i populisti dell’AfD. Angela e Martin non si sopportano, ma sono condannati a trovare un accordo. notizia tratta da La Nazione www.lanazione.it

Altre notizie

Notizie Dal Mondo

Politica - (13/01/2018)

Grande Coalizione, bis in Germania. La sinistra accetta il tetto ai migranti

PRIMO PIANO BERLINO È RINATO GroKo, come i tedeschi chiamano la Grosse Koalition. Nessuno lo ama, né i politici, né i cittadini, ma non se ne può fare a meno, se non rischiando l’incognita di nuove elezioni. Angela e Martin, hanno trovato un compromesso accettabile dopo una maratona durata quasi fino all’alba, a 110 ...continua...

Notizie Dal Mondo

Politica - (29/12/2017)

Dalle bidonville a mito del calcio Weah ora e' presidente della Liberia

MONROVIA (Liberia) AL TERZO tentativo, dopo il 2005 e il 2011, ce l'ha fatta: George Weah è stato eletto presidente della Liberia. L'avvicendamento con Johnson-Sirleaf è in programma per il 22 gennaio, e sarà la prima transizione democratica fra due presidenti eletti nel Paese dal 1944. Secondo la commissione elettorale, con ...continua...

Notizie Dal Mondo

Politica - (28/12/2017)

CINA I DUE CAPI DI STATO SONO INFLESSIBILI NELL’ELIMINARE I RIVALI. L'OBIETTIVO E' IL POTERE ASSOLUTO

SARÀ L'UOMO più potente del pianeta nel 2018. Presidente, capo del partito comunista, commander in chief delle forze armate e dell'esercito cinese (il più grande del mondo), vertice del comitato di sicurezza e numero uno di una miriade di organismi ombra, che indirizzano la politica, dalle relazioni con Taiwan alle ...continua...

Notizie Dal Mondo

Politica - (27/12/2017)

La Russia ferma il blogger anti Putin Non puo' candidarsi, l'ira della Ue

Alessandro Farruggia COME previsto, la Commissione elettorale centrale russa ha escluso dalla corsa elettorale il leader d'opposizione Alexei Navalny. Per giustificare l'esclusione dalle presidenziali del 18 marzo l'avvocato/blogger che ha fatto della lotta alla corruzione il suo tratto caratteristico, la Commissione ha fatto riferimento all'articolo 4 del codice penale russo ...continua...

Notizie Dal Mondo

Politica - (22/12/2017)

I catalani scelgono lady Madrid Ma la maggioranza e' indipendentista

BARCELLONA LA CATALOGNA è sempre più polarizzata. Parlamento spaccato si attendeva e parlamento spaccato sarà, con una leggerissima maggioranza per gli indipendentisti che rischia di mantenere la situazione nel cul de sac nel quale è precipitata ad ottobre con la decisione di Puigdemont di fare il referendum contro il volere ...continua...