I MIGLIORI STORE ON LINE

Gestisci le tue E-mail

Non sei ancora in regola con la PEC? Acquistala QUI

Primo Piano

Web agency Sansepolcro.
Realizzazione siti internet a Sansepolcro in provincia di Arezzo "continua"

PEC.
Wineuropa offre il servizio di posta elettronica certificata per aziende e liberi professionisti .. "continua"

Impresa Edile Assisi.
Up costruzioni, impresa edile e ristrutturazioni Assisi …"continua"

Agenzia web Arezzo.
Realizzazione siti internet ad Arezzo. Agenzia web a Sansepolcro di Arezzo…"continua"

Ombrelloni in legno.
Produzione di ombrelloni in legno per giardini…"continua"

Centro Estetico Narciso.
Trattamenti viso e corpo, make up, manicure, pedicure a Sinalunga Siena …"continua"

news

INDIPENDENZA L'AMARO RISVEGLIO

Secessionisti al palo tra rabbia e ironia 44 secondi di gloria

ROMA

LA DELUSIONE degli indipendentisti è tanta. I chavisti della Cup danno un mese a Puigdemont dopodichè annunciano che potrebbero lasciare il Parlamento, con conseguente crisi di governo. E anche gli altri indipendentisti sono delusi, il ‘sì ma anche no' ha irritato tanti, e il presidente catalano è travolto non tanto dalle proteste, quanto dall'ironia. Per un politico è quasi peggio, significa perdita di credibilità. TRA I PRIMI a scherzare sul contraddittorio annuncio dell'indipendenza sospesa è stata la popolare birreria la Nova Farca, vicino all'omonima piazza, che ha esposto una lavagnetta grondante ironia (nella foto). «Oggi tutte le birre saranno gratuite! Però chiedo una sopensione per poter dialogare con il produttore». Esempio subito seguito sui social. «Dichiaro con la presente - circola su Whatsapp - di voler invitare tutti voi a un riso all' aragosta e a un pasto di frutti di mare con bevande incluse. Allo stesso tempo dichiaro la sospensione di questo invito, perché può essere molto costoso e chiedo una mediazione affinché qualcuno possa farci invitare da un ristorante». E poi i video con il conteggio della durata dell' indipendenza, 44 secondi dalla fase del discorso di Puigdemont che la proclamava a quella in cui la sospendeva. Alle pubblicità dei giorni scorsi nei quali Ikea proclamava «repubbliche indipendenti in ogni casa» ha fatto seguito ieri quella del produttore alimentare Campofrio che si dichiara «unilateralmente indipendente dalla follia collettiva». «HO L'IMPRESSIONE che la delusione sia tanta anche tra i non indipendentisti, che volevano una dichiartazione unilaterale di indipendenza per schiacciare meglio Puigdemont» ironizza Jordi Evole, popolare comico, commentatore di El Periodico. «In ogni caso - aggiunge - come era un errore la dichiarazione di indipendenza sarebbe un errore l'applicazione dell'articolo 155, con congelamento dell'autonomia». «L'indipendentismo - attacca il giornalista Inaki Gabilondo della radio Cadena Ser - è annegato a un metro dalla riva: le pressioni e la mancanza di supporto internazionale sono stati impossibili da sopportare. La delusione era il destino naturale del patto politico contro natura dei tre partiti indipendentisti, crollato sulle sue contraddizioni». «Tra gli sconfitti - aggiunge - anche il re, che con il suo messaggio è venuto meno al ruolo super partes e si è giocato la corona. Vince Rajoy, che non poteva fare altro che intervenire e vedrà crescere i suoi consensi». Alessandro Farruggia
notizia tratta da La Nazione www.lanazione.it

Altre notizie
Nessuna notizia trovata!