I MIGLIORI STORE ON LINE

Gestisci le tue E-mail

Non sei ancora in regola con la PEC? Acquistala QUI

Primo Piano

Ombrelloni in legno.
Produzione di ombrelloni in legno per giardini…"continua"

PEC.
Wineuropa offre il servizio di posta elettronica certificata per aziende e liberi professionisti .. "continua"

Centro Estetico Narciso.
Trattamenti viso e corpo, make up, manicure, pedicure a Sinalunga Siena …"continua"

Web agency Sansepolcro.
Realizzazione siti internet a Sansepolcro in provincia di Arezzo "continua"

Macelleria Quarantini.
Macelleria Quarantini a Fratte Rosa, carni bovine DOC razza marchigiana e altro …"continua"

Impresa Edile Assisi.
Up costruzioni, impresa edile e ristrutturazioni Assisi …"continua"

Agenzia web Arezzo.
Realizzazione siti internet ad Arezzo. Agenzia web a Sansepolcro di Arezzo…"continua"

news

Notizie Dal Mondo - Economia (11/08/2017)

Zalando punta sull'Italia. Shopping online pigliatutto

Il colosso tedesco assumera' mille addetti al Nord

Elena Comelli
MILANO ZALANDO supera i 2 miliardi di euro di ricavi nel primo semestre dell'anno e annuncia l'apertura di un centro di distribuzione in Italia, il primo ad affiancarsi ai tre grandi hub già esistenti in Germania, per soddisfare oltre 21 milioni di clienti attivi, con 200 milioni di visite al mese in 15 Paesi europei. Il nuovo centro sarà nel Nord Italia e opererà in parallelo al magazzino satellite già esistente a Stradella, in provincia di Pavia: con una dimensione di oltre 100mila metri quadrati, sarà in grado di assumere mille addetti a regime, ovvero a 2-3 anni dall'entrata in funzione. L'investimento iniziale di decine di milioni di euro potrà arrivare fino a 100 milioni. La crescita di Zalando del 21% rispetto al primo semestre del 2016 dimostra che il colosso tedesco, leader per la vendita online di abbigliamento, è ormai l'asso pigliatutto del mercato. Le case di moda lo vedono già come un'estensione del loro network proprietario e lo trattano con un occhio di riguardo. Adidas, ad esempio, ha recentemente raggiunto un accordo per il loro Partner Program, grazie al quale i clienti possono consultare l'intero catalogo dei prodotti Adidas e perfino prenotare il ritiro presso uno dei punti vendita del marchio oppure richiederne la consegna. CIÒ CHE impressiona di più è che Zalando è stato fondato appena nel 2008 e quindi è appena agli albori della sua potenza, ma ha intercettato un trend in fortissima crescita, quello delle vendite online, declinandolo sul fronte della moda e creando uno spazio specializzato orientato al cliente in termini di qualità del prodotto, consulenza, semplicità nelle modalità di acquisto e restituzione, che possono essere facilmente gestiti attraverso lo smartphone. Non a caso, dal lancio in Borsa a Francoforte nel 2014 ad oggi il valore delle azioni è cresciuto del 97% mentre H&M ha perso il 33%. Un cambiamento di scenario epocale, che coinvolge anche altri colossi delle vendite online di abbigliamento, come Yoox Net-à-Porter, lo specialista italiano della moda fondato dal romagnolo Federico Marchetti, che ha chiuso il primo semestre con ricavi netti di un miliardo di euro, in aumento del 19,5% rispetto agli 897 milioni del primo semestre del 2016. Nel frattempo, sull'altro fronte, i grandi negozi chiudono. Negli Stati Uniti, dove Amazon ormai la fa da padrona, si susseguono gli annunci di chiusure o forti ridimensionamenti di grandi magazzini e di interi centri commerciali. Macy's, la Rinascente americana, sta chiudendo 68 negozi e tagliando 10mila lavoratori, mentre Limited sta abbassando tutte le sue 250 saracinesche, con un impatto su 4mila lavoratori. Kohl's, Sears e Kmart hanno annunciato altre centinaia di chiusure. Altre catene alle prese con piani pluriennali di riduzione dei negozi sono American Eagle, Chicos, Finish Line, Men's Wearhouse e The Children's Place. AMAZON, intanto, continua a macinare ricavi e ha superato a Wall Street i mille dollari per azione, rendendo per qualche giorno il suo fondatore Jeff Bezos l'uomo più ricco del mondo. L'effetto si vede nei centri commerciali, dove il traffico è in continuo calo. L'ecatombe nella grande distribuzione ha riempito il paesaggio americano di catene di shopping fantasma, con gli edifici ormai in rovina. Business Insider ha parlato di un'«ondata gigantesca», quella del commercio online, che sta spazzando via un simbolo dell'American Way of Life, di uno stile di vita e perfino un modo di aggregazione sociale. Un'ondata che ormai sta arrivando anche in Europa.
notizia tratta da La Nazione www.lanazione.it

Altre notizie
Nessuna notizia trovata!