I MIGLIORI STORE ON LINE

Gestisci le tue E-mail

Non sei ancora in regola con la PEC? Acquistala QUI

Primo Piano

PEC.
Wineuropa offre il servizio di posta elettronica certificata per aziende e liberi professionisti .. "continua"

Agenzia web Arezzo.
Realizzazione siti internet ad Arezzo. Agenzia web a Sansepolcro di Arezzo…"continua"

Web agency Sansepolcro.
Realizzazione siti internet a Sansepolcro in provincia di Arezzo "continua"

Ombrelloni in legno.
Produzione di ombrelloni in legno per giardini…"continua"

Macelleria Quarantini.
Macelleria Quarantini a Fratte Rosa, carni bovine DOC razza marchigiana e altro …"continua"

Centro Estetico Narciso.
Trattamenti viso e corpo, make up, manicure, pedicure a Sinalunga Siena …"continua"

Impresa Edile Assisi.
Up costruzioni, impresa edile e ristrutturazioni Assisi …"continua"

news

Comprate il nostro pandoro Web mobilitato per salvare l’azienda

Dipendenti Melegatti senza stipendio da mesi, riscossa da Facebook

MILANO "#NOISIAMOMELEGATTI".

È partita con questo hashtag, seguito poi da "#NataleConMelegatti", la riscossa degli operai (una novantina fissi più 220 stagionali) dell'omonima e famosa azienda di San Giovanni Lupatoto, in provincia di Verona, per salvare il posto di lavoro. A rischio, come purtroppo succede, da una crisi che nei mesi scorsi aveva quasi messo fine a una più che centenaria storia di successo cominciata nel 1894 quando Domenico Melegatti brevettò nome e ricetta del pandoro. In difficoltà finanziaria da mesi e con i salari non pagati da agosto, grazie all'intervento del fondo maltese Abalone, che ha investito 6 milioni, il via libera del Tribunale al concordato in bianco e la disponibilità dei fornitori a consegnare uova, burro e farina, nell'ultima settimana di novembre la fabbrica Melegatti è riuscita a far ripartire la produzione. Con un obiettivo non facile: recuperare il tempo perso producendo entro il 10 dicembre 1,57 milioni di pandori e panettoni. L'ANNUNCIO del riavvio della produzione, con la riapertura anche dello spaccio aziendale dal 25 novembre, era arrivato con un post sulla pagina Facebook: Siamo di nuovo al lavoro. E su WhatsAp è subito diventato virale il messaggio dei dipendenti: «Da oggi tornano al lavoro le operaie e gli operai di Melegatti senza stipendio da mesi. Ritornano a produrre per Natale. Compriamo uno o due pandori Melegatti affinché anche queste operaie e questi operai possano avere un sereno Natale. Diffondi il messaggio su Melegatti, se ritieni importante il lavoro e la tradizione natalizia». E il messaggio, con quello che gli esperti chiamano viral marketing, ha avuto successo con oltre 30mila mi piace sulla pagina Facebook e un passa parola sui social che sta spingendo i consumatori a comprare pandori e panettoni Melegatti nei supermercati che hanno deciso, seppure all'ultimo momento, di far loro posto (dall'Esselunga alle catene, a partire dai punti vendita del Veronese, come Martinelli, Tosano, Migross e Rossetto) o direttamente con gli ordini in azienda commissionando colli da 24 pezzi. Una risposta che potrebbe far sì che anche l'asticella degli oltre 1,5 milioni di dolci natalizi possa essere superata e poi consentire, come concordato con il Tribunale di cominciare a sfornare i prodotti pasquali e tornare a produrre le tradizionali brioche. «SONO STATI giorni frenetici - ha spiegato Luca Quagini, chairman e Ceo di Sdg Group - nei quali abbiamo portato a casa un risultato di grande importanza per questa azienda che ha segnato un pezzo di storia della nostra cultura gastronomica e che continuerà a farlo». Grazie anche alla generosità della Rete. Che, chiosa Gianluca Arnesano, fra i primi a occuparsi di viral marketing con l'omonimo testo scritto una decina di anni fa e docente di digital marketing all'Università Partenope di Napoli, può essere piena di fake news e cattiva nel distruggere la reputazione di una persona o un'azienda ma anche dimostrarsi solidale nelle cause in cui crede. Come quella degli operai della Melegatti. Per scrivere una nuova bella storia di Natale.
notizia tratta da La Nazione www.lanazione.it

Altre notizie

Notizie Nazionali

Altre notizie - (15/12/2017)

Il biotestamento e' legge: fine vita, decide il paziente Ma i cattolici si spaccano

Elena G. Polidori ROMA REGGE un asse politico inusuale, diverso da quello che sostiene la maggioranza di governo e che vede il Pd e le forze di Liberi e Uguali, con l'intero M5s, unite per approvare, all'ultimo tuffo della legislatura, una legge etica, come il biotestamento, che sarebbe stata impensabile solo ...continua...

Notizie Nazionali

Altre notizie - (14/12/2017)

Le imprese contro la burocrazia Ci costa 33 miliardi all'anno

Claudia Marin ROMA È DI 33 miliardi l'anno il conto che la mala-burocrazia presenta soprattutto alle piccole imprese, circa 8 mila euro pro-capite. Un costo che comprende l'infinità di adempimenti, obblighi, file, e ogni altra astrusità, a cominciare dal tempo perso, che gravano su commercianti, artigiani, piccoli imprenditori, lavoratori autonomi. ...continua...

Notizie Nazionali

Altre notizie - (13/12/2017)

Picchia la moglie, niente espulsione. La Cassazione: Non e' pericoloso

Bruno Ruggiero ROMA LA CASSAZIONE ha confermato in via definitiva la condanna a tre anni di carcere per un immigrato marocchino da tempo residente in Italia che picchiava abitualmente la moglie, ma ordina alla Corte d'appello di Milano di motivare meglio in un nuovo giudizio la presunta pericolosità sociale dell'imputato. ...continua...

Notizie Nazionali

Altre notizie - (12/12/2017)

Piu' soldi e assunzioni: sciopero Ira dei medici, saltano gli interventi

ROMA L'ASSISTENZA ospedaliera rischia il collasso. I medici da 8 anni attendono il rinnovo del contratto, troppo spesso impegnati in maratone operatorie con riposi insufficienti tra un turno e l'altro. Carenze croniche da colmare, bilanci all'osso che frenano i reparti mandati avanti con il precariato e gli iscritti alle scuole ...continua...

Notizie Nazionali

Altre notizie - (11/12/2017)

Il patto nonni e nipoti

NON CI SONO più i nonni di una volta. Guai a chiamarli anziani, oggi sono senior, active agers (anziani attivi) o generazione silver. Sono indipendenti, propositivi, prendono il posto di baby sitter e tuttofare, preparano pranzi e cene, strisciano la carta di credito nei momenti di difficoltà e si cuccano ...continua...