I MIGLIORI STORE ON LINE

Gestisci le tue E-mail

Non sei ancora in regola con la PEC? Acquistala QUI

Primo Piano

Ombrelloni in legno.
Produzione di ombrelloni in legno per giardini…"continua"

PEC.
Wineuropa offre il servizio di posta elettronica certificata per aziende e liberi professionisti .. "continua"

Casa a Camucia.
immobiliare Cortonese, affidati alla nostra esperienza per acquistare o affittare casa a Camucia in Val di Chiana…"continua"

Centro Estetico Narciso.
Trattamenti viso e corpo, make up, manicure, pedicure a Sinalunga Siena …"continua"

Impresa Edile Assisi.
Up costruzioni, impresa edile e ristrutturazioni Assisi …"continua"

Casa a Cortona.
immobiliare Cortonese, affidati alla nostra esperienza per acquistare o affittare casa a Cortona in Val di Chiana…"continua"

Macelleria Quarantini.
Macelleria Quarantini a Fratte Rosa, carni bovine DOC razza marchigiana e altro …"continua"

Agenzia web Arezzo.
Realizzazione siti internet ad Arezzo. Agenzia web a Sansepolcro di Arezzo…"continua"

news

Notizie Nazionali - Altre News (01/01/1970)

Molestie o corteggiamenti maldestri Gli esperti: confine sempre piu' labile

Una volta i comportamenti erano codificati e ben riconoscibili

Luca Bolognini

DOPO IL terremoto Weinstein, lo tsunami Deneuve. Le dichiarazioni dell’attrice, che è finita nel mirino delle femministe per aver invitato le donne a distinguere tra corteggiamento e abuso prima di chiedere giustizia, hanno scatenato un vero e proprio vespaio. «Sono punti di vista che si confrontano – spiega la psichiatra Michela Casoria – senza trovare dialogo. La star francese afferma che un conto è la molestia, che è sanzionata anche per legge, un altro è un tentativo di seduzione in cui il maschio afferma la sua virilità. Il limite, se vogliamo usare il buonsenso, è quello della reazione dell’altro. Anche se è vero che le dinamiche del corteggiamento risentono dello scorrere del tempo. In passato erano molto codificate: c’erano prassi di avvicinamento all’oggetto del desiderio che erano segnali riconoscibili e condivisi dal gruppo sociale di cui si faceva parte. Adesso è tutto variamente interpretato e interpretabile. Con il venir meno di questa ritualità, siamo sempre più soli e abbiamo idee più confuse sui limiti entro i quali muoverci». IL CASO Weinstein, esploso su giornali e tv, è la classica punta dell’iceberg. «Gli uomini potenti – osserva il sociologo e scrittore Francesco Alberoni – si sono sempre fatti pagare in natura. Le donne dall’alba dei tempi vanno con ricchi e i giovani benestanti sono circondati da belle ragazze. Oggi come in passato sono in molti quelli che hanno approfittato della loro posizione». Ed è proprio il nesso fra sesso e potere il nodo della questione. «Nonostante negli anni Sessanta e Settanta ci si sia stata un’apertura a rapporti sessuali più liberi, la figura femminile – fa notare Chiara Bettelli Lelio, counselor in sessuologia clinica – ha sempre subito il fascino del potere. Nel momento in cui la ragazza, seppur libera, si trovava di fronte a qualcuno in posizione dominante si scatenava un’attrazione inconscia. Tra vittima e carnefice si stabiliva un rapporto che dava luogo a una specie di alleanza del silenzio. Per questo era molto difficile denunciare». POI IL CLIMA è cambiato. «Non è stato il caso Weinstein a fare da detonatore. Evidentemente – sottolinea Alberoni – eravamo in una situazione di equilibrio instabile. Una maggiore emancipazione femminile ha portato le donne a dire che gli uomini avevano esagerato. È partito un attacco, soprattutto da parte delle donne americane, allo strapotere maschile. È stato un bene: chi occupa posizioni privilegiate forse ora starà più attento. Anche se mi piace sottolineare il garbo con cui si è espressa Catherine Deneuve, figlio di una cultura europea, che a differenza di quella americana non passa da un eccesso all’altro». notizia tratta da La Nazione www.lanazione.it

Altre notizie
Nessuna notizia trovata!