I MIGLIORI STORE ON LINE

Gestisci le tue E-mail

Non sei ancora in regola con la PEC? Acquistala QUI

Primo Piano

Ombrelloni in legno.
Produzione di ombrelloni in legno per giardini…"continua"

Centro Estetico Narciso.
Trattamenti viso e corpo, make up, manicure, pedicure a Sinalunga Siena …"continua"

Macelleria Quarantini.
Macelleria Quarantini a Fratte Rosa, carni bovine DOC razza marchigiana e altro …"continua"

Agenzia web Arezzo.
Realizzazione siti internet ad Arezzo. Agenzia web a Sansepolcro di Arezzo…"continua"

Solai Multifori Estrusi Precompressi.
Produzione di solai alveolari, vasche in calcestruzzo, locali tecnici…"continua"

news

Falcone stretto tra mafia e colleghi. Gli attacchi piu' infami dai giudici

Disse: "con Orlando, Ciancimino impera" E il sindaco lo aggredi'

IL GIUDICE più famoso al mondo - aveva smascherato e fatto condannare la cupola mafiosa - era odiato da Cosa Nostra, ma anche da buona parte dei suoi colleghi e dei professionisti dell'antimafia parolaia. In fasi diverse, diversi suoi colleghi lo accerchiarono con indifferenza, diffidenza, accanita ostilità.

ALL'INIZIO fu la parte più tradizionale, quella che negando si potesse processare la mafia concedeva di giudicare solo specifici reati. Presto si aggiunsero gelosie e rivalità di colleghi ‘corvi' che su su, fino al Csm, bloccarono la carriera di Falcone. Al punto di suscitare lo sdegno di Cossiga e lo sconcerto delle autorità americane che, osservavano, «i magistrati siciliani perdono più tempo a farsi la guerra tra di loro che a contrastare la mafia».

ERA un Falcone isolato, denigrato, paralizzato quello che io chiamai a lavorare con me al ministero della Giustizia. Ma a Roma fu oggetto di attacchi ancora più infami. C'è un documento che meglio di ogni altro racconta chi era Falcone, il suo metodo investigativo, la sua probità di uomo e di giudice e, all'opposto, la faziosità, la non professionalità e l'ignoranza giuridica dei suoi detrattori.
È il verbale dell'interrogatorio cui Falcone fu sottoposto dal Csm il 15 ottobre del 1991. La denuncia, firmata da Leoluca Orlando Cascio, era di non aver indagato sugli appalti, su Salvo Lima e sull'imprenditore Costanzo come mandanti dell'assassinio di Piersanti Mattarella.

FALCONE spiega: «Ci sono appalti di poco conto e appalti miliardari per la rete fognaria e l'illuminazione», poi scandisce: «Nonostante i cambiamenti la politica dei grandi appalti a Palermo non è ancora trasparente... con Orlando sindaco Ciancimino è tornato a imperare».
Dunque, la denuncia di Orlando era solo una velenosa ritorsione. Un pentito aveva riferito una frase equivoca di Costanzo a proposito del generale Dalla Chiesa e il Csm accusa Falcone d'inerzia. Falcone replica: «Io non mando avvisi come coltellate... e chiedere rinvii a giudizio senza la ragionevole probabilità di vincere è immorale... così si scredita la giustizia».

E AGGIUNGE: «Coi pentiti, bisogna evitare rapporti intimistici» (...) «se sono uomini d'onore si chiuderanno», se sono inaffidabili ti diranno quel che vuoi in cambio di sconti di pena... «Il sospetto è l'anticamera non della verità, ma del khomeinismo».
Mentre noi, dal governo, sviluppavamo la strategia che sgominò l'esercito mafioso l'Anm indisse uno sciopero generale contro la super procura e il suo presidente, Raffaele Bertone, la definì «un'altra cupola mafiosa di cui non si sente alcun bisogno». E subito il Csm bloccò la nomina di Falcone a procuratore nazionale.
Dopo la strage, lesti lesti, molti magistrati si ammantarono della memoria di Falcone. Anche quelli del pool Mani Pulite.
Ma Ilda Boccassini sdegnata li smascherò: «Voi non vi fidavate di Falcone, gli avete mandato le rogatorie sulle tangenti senza allegati causandogli un'infinita amarezza».

E CITÒ nomi e cognomi: «Tu, Mario Almerighi, definisti Falcone ‘un nemico politico' e voi del Csm lo accusaste di essersi ‘venduto' al governo e al ministro Martelli. «Se pensate che Falcone non era più libero e indipendente perché andate ai suoi funerali? Colombo, D'Ambrosio, perché andate ai suoi funerali? Nando Dalla Chiesa e Orlando, voi non potete andare ai suoi funerali».
E gli Ingroia e i Di Matteo? Si professano discepoli di Falcone, ma le loro scelte processuali sembrano piuttosto ispirate ai suoi nemici: teoremi fragorosi e indimostrabili, avvisi di garanzia come coltellate, rinvii a giudizio senza altre prove che le dichiarazioni intimistiche di pentiti in cerca d'autore. Resiste l'idea ossessiva del «terzo livello», una struttura politica che comanderebbe la mafia; «un'idea ridicola come la Spectre», diceva Falcone. Il rumore di processi nati morti si è spento, ma a Palermo Orlando resiste e si ricandida sindaco per la quinta volta.
notizia tratta da La Nazione www.lanazione.it

 

Altre notizie

Notizie Nazionali

Altre di Cronaca - (19/05/2017)

Medici alla gogna: assolti 'Intercettazioni sbagliate'

BUSTO ARSIZIO (Varese)INTERCETTAZIONI fraintese, accuse non verificate, donazioni scambiate per mazzette. Con queste premesse, non poteva che essere assoluzione. E assoluzione è stata per tutti e quaranta gli imputati del processo che vedeva alla sbarra medici di ospedali e cliniche di mezza Italia, accusati di aver ricevuto denaro, viaggi, regali ...continua...

Notizie Nazionali

Altre di Cronaca - (18/05/2017)

Legge anti cyberbulli, via dal web insulti e soprusi

Veronica PasseriROMAUN DOCENTE anti bulli in ogni scuola, la stretta sul web con il diritto dei minori sopra i 14 anni o dei loro genitori all'oscuramento di contenuti on line lesivi della propria persona, formazione e prevenzione tra i banchi. Da ieri l'Italia ha una legge, votata all'unanimità dalla Camera, ...continua...

Notizie Nazionali

Altre di Cronaca - (13/05/2017)

Maxi truffa alle vittime dei clan. Lady antiraket finisce in carcere

LECCETRE SPORTELLI antiracket inesistenti, un raggiro da oltre due milioni di euro organizzato - secondo l'accusa - coprendosi con la bandiera delle associazioni che si battono contro estorsioni e usura. A organizzare la truffa proprio la presidente della locale associazione antiracket, Maria Antonietta Gualtieri, finita in carcere a Lecce. In ...continua...

Notizie Nazionali

Altre di Cronaca - (10/05/2017)

Muore sotto i ferri, indagano i pm. Famiglia sotto choc: ora la verita'

Tommaso MorettoROVIGO UNA TRAGEDIA improvvisa, mentre era sotto i ferri e i familiari l'aspettavano fuori. È morta in sala operatoria, aveva appena subito un intervento alla tiroide: al momento della sutura della ferita è sopraggiunto un arresto cardiaco. È successo ieri tra le 10 e le 11 all'ospedale di Rovigo: così ...continua...

Notizie Nazionali

Altre di Cronaca - (09/05/2017)

In corsia corruzione e sprechi: Un fardello da 13 miliardi

NEGLI ULTIMI dodici mesi in Italia un'azienda sanitaria su quattro ha registrato almeno un episodio di corruzione. La Guardia di finanza l'anno scorso ha riscontrato appalti sanitari assegnati in maniera irregolare per un volume complessivo di 3miliardi 400mila euro, un importo tre volte superiore a quello del 2015. Soltanto un ...continua...